Area di produzione: Comune di San Ferdinando di Puglia e zone limitrofe (Carapelle, Cerignola, Ortanova e Trinitapoli), tra le province di Barletta-Andria-Trani e di Foggia.

Descrizione del prodotto: Il Carciofo di San Ferdinando si riferisce in prevalenza alla cultivar Violetto di Provenza con capolini di forma ovoidale, compatti e foglie di colore violetto con sfumature verdi. 

Caratteristiche organolettiche e degustazione: Ha un gusto unico, sapido, dolce e dal profumo intenso il Carciofo di San Ferdinando, ottimo anche crudo, versatile in cucina e ideale per essere conservato in olio extravergine di oliva; resiste bene a vari tipi di cotture ed è l’ideale per le fritture o per essere preparati alla giudea.

Metodiche di produzione: I carciofi vengono piantati nel mese di Luglio, mentre la loro raccolta (a mano) avviene in genere tra Settembre e Aprile. Per raccogliere questi carciofi, il gambo deve essere reciso alla base, con due o più foglie ed anche la ricrescita successiva è abbastanza veloce.

Curiosità: Ogni anno nel mese di novembre, a San Ferdinando si svolge la "Fiera del carciofo", durante la quale i carciofi vengono preparati in tanti modi diversi, dove si assegna anche il premio del carciofo d’oro.

Riferimenti normativi: Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha inserito il carciofo di San Ferdinando nella lista dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della regione Puglia (PAT).

Articoli correlatiTi regalerò una rosa

Vai all'inizio della pagina