Area di produzione: in provincia di Barletta-Andria-Trani: comprende in parte i territori comunali di Andria e Trani; in provincia di Bari: comprende il territorio comunale di Minervino Murge e in parte i territori comunali di Bitonto, Corato, Palo del Colle, Ruvo, Terlizzi, Toritto e completamente l'isola amministrativa D'Ameli del comune di Binetto.

Composizione ampelografica: nero di Troia min. 65%, possono concorrere alla produzione, da sole o congiuntamente, max. 35%, anche le uve di altri vitigni a bacca nera non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Puglia per la zona di produzione omogenea "Murgia Centrale", iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino.

Norme per la viticoltura: per i nuovi impianti e reimpianti sono consentite esclusivamente le forme di coltivazione ad alberello e controspalliera, fatti salvi i diritti acquisiti per altre forme di allevamento; i nuovi impianti e reimpianti devono essere realizzati con almeno 4.000 ceppi/Ha; è consentita l'irrigazione di soccorso; la resa massima di uva ammessa in coltura specializzata e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo devono essere di 10 t/Ha e 12% vol.

Norme per la vinificazione: le operazioni di vinificazione, maturazione, invecchiamento e imbottigliamento, devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delimitata; il vino a denominazione di origine controllata e garantita "Castel del Monte Rosso Riserva", prima dell'immissione al consumo deve essere sottoposto ad un periodo di invecchiamento obbligatorio di almeno 2 anni di cui almeno uno in legno. Il periodo d'invecchiamento decorre dal 1° novembre dell'anno di produzione delle uve.

Caratteristiche organolettiche: colore: dal rosso rubino al rosso granato con l'invecchiamento; odore: caratteristico, delicato; sapore: di corpo, armonico; titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13% vol; acidità totale minima: 4,5 g/l; estratto non riduttore minimo 26,0 g/l.; zucchero riduttore residuo: non superiore a 10,0 g/l.

Riferimenti normativi: D.M. 4/10/2011 - G.U. n.243 del 18/10/2011.

Vai all'inizio della pagina