Area di produzione: Puglia.

Vitigni: min. 85% aleatico, max. 15% negroamaro e/o malvasia nera e/o primitivo.

Norme per la viticoltura: Resa massima per ettaro: 8 tonnellate; Titolo alcolometrico volumico naturale dell'uva minimo: 14%, dopo l'appassimento.

Tipologie:

  • Dolce naturale
  • Dolce naturale liquoroso
  • Riserva 

Norme per la vinificazione: È consentito un lieve appassimento delle uve sulla pianta o su stuoie. L'Aleatico non può essere immesso al consumo prima del 1° marzo dell'anno successivo all'annata di produzione delle uve. Può essere sottoposto a invecchiamento; se supera i tre anni di invecchiamento può portare in etichetta la qualifica di "Riserva".

Caratteristiche organolettiche:

  • Dolce naturale: Colore: rosso granata più o meno intenso, con riflessi violacei, tendente all’arancione con l’invecchiamento; Profumo: aroma delicato, caratteristico, più intenso ed etereo con l’età; Sapore: moderatamente dolce, pieno, vellutato; Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15% vol. (effettivo minimo: 13% vol.)l; acidità totale minima: 4,0 g/l; estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.
  • Dolce naturale liquoroso: Colore: rosso granata più o meno intenso con riflessi violacei, tendente all’arancione con l’invecchiamento; Profumo: delicato, caratteristico, etereo ed intenso con l’invecchiamento; Sapore: dolce, pieno, caldo, armonico, gradevole; Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18.5% vol. (effettivo minimo: 16% vol.)l; acidità totale minima: 4,0 g/l; estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.

Epoca migliore per il consumo: entro i cinque anni dalla vendemmia, fino a 10 anni per la versione "Riserva".

Temperatura di servizio consigliata: 14 - 16°C

Abbinamenti consigliati: preparazioni dolci a pasta non lievitata, come crostate alla marmellata di frutti rossi, dessert al cioccolato e pasticceria secca a base di pasta di mandorle.

Vai all'inizio della pagina