Area di produzione: Puglia e Basilicata.

Descrizione: Il lampascione (muscari comosum) è un bulbo globuloso della pianta erbacea delle liliacee. Cresce a 12-20 cm. nel sottosuolo. Si raccoglie rimuovendo il terreno sovrastante ed estraendolo dallo stelo corto. Simile alla cipolla, è ricoperto da una patina bruna, presenta una parte esterna violacea e quella interna rosea; ha l'odore intenso ed il sapore di cipolla con un retrogusto amarognolo. E' ricco di sali minerali. I lampascioni vengono lasciati a bagno finché non fuoriesce il liquido colloso per farli liberare dalle componenti più amare. Quindi vanno degustati cotti sotto la cenere, fritti con abbondante olio d'oliva o arrostiti al forno con le patate. Possono essere anche lessati e conditi con olio e aceto per farne un'insalata. Si usano anche come ingrediente per frittate e sformati.

Curiosità: I lampascioni nella letteratura medica antica godono di fama come ottimo afrodisiaco.

Vai all'inizio della pagina