Area di produzione: Comune di Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi.

Descrizione sintetica prodotto e degustazione: E' un pasticcino di colore bruno a base di mandorle tostate, con fragranze di marmellate di ciliege e, appena, di limone; sono ricoperti di una glassa a base di zucchero e cacao. Le mandorle utilizzate, prodotte esclusivamente dai mandorleti dell'Alto Salento, sono una particolare varietà chiamata "cegliese" che si distingue per il guscio semiduro.

Metodiche di lavorazione: Mandorle tostate tritate, zucchero, uova, buccia di limone, essenza di vainiglia, rosolio di caffè o vin cotto. Gli ingredienti si impastano e si depositano in teglie di rame zincate, unte di olio; dall’impasto si ricavano lunghe strisce di pasta che vengono sovrapposte due a due dopo essere state spalmate con marmellata d'uva o di ciliegia; quindi vengono tagliate a quadrettini; la cottura avviene in forno a legna; una volta raffreddato, il biscotto cegliese viene glassato in zucchero e cacao.

Curiosità: I biscotti cegliesi venivano prodotti dalle famiglie contadine in occasione delle feste importanti e dei banchetti nuziali. Sono venduti in tutti i forni, bar e pasticcerie di Ceglie, oltre ad essere offerti in tutti i ristoranti cegliesi. Il biscotto cegliese è un presidio Slow Food ed è candidato per il riconoscimento di prodotto tipico DOP.

Articoli correlati: Buono, pulito e giusto.

Vai all'inizio della pagina